Con Patrizia Torsini va in vacanza #pensoquindiscrivo

Con il thriller “L’importanza di chiamarsi Bloody Mary” di Patrizia Torsini si chiude la prima fase della rassegna dedicata agli autori emergenti.
Un finale molto interessante per la grande varietà di temi e spunti trattati nel libro della scrittrice frusinate, ma toscana di adozione, dalla musica agli sport estremi fino alla denuncia del degrado ambientale.
La rassegna si chiude con successo, avendo dato visibilità ad autori e opere molto interessanti, alcuni dei quali già sulla via del successo, come la stessa Torsini, con tre gialli già pubblicati e un altro in incubazione.
La rassegna #pensoquindiscrivo va in vacanza ma tornerà alla Sala Polivalente di Civica Biblioteca a partire dal 12 ottobre con altri autori e opere tutte da scoprire.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.